Annamaria Alaio

Classe 1960, cresciuta in una metropoli come Napoli. Amo i gatti, stare all’aperto, ridere, divertirmi, vedere posti nuovi, il mio fiore preferito il tulipano. Sposata da 36 anni con Luigi, che sopporta amorevolmente il mio caos creativo tra gomitoli e matasse (il mio divano è ormai terra di sferruzzo) e madre di due splendidi ragazzi, Matteo e Fabrizio, il primo ingegnere meccanico e il secondo cuoco per passione, che ha ereditato da me la creatività. Nata da mamma Maria e papà Antonio, venuto a mancare troppo presto. Mamma, un’appassionata di lavoro a maglia, mi ha messo i ferri e un gomitolo in mano fin da quando avevo tre anni; quel ticchettio dei ferri che punto dopo punto facevano nascere delle splendide creazioni, mi affascinava e dietro la mia insistenza, ho iniziato a provare, anche se mia madre non era un’ottima insegnante…diceva e dice ancora “si fa cosi! “senza darmi altre spiegazioni E fu così che iniziai a studiare e sperimentare prima sui testi italiani (ben pochi a dire la verità) e poi su quelli stranieri. Quando sono tra i miei gomitoli e matasse la mente corre e già immagino come utilizzarli, se usare quel punto oppure quell’altro e più il lavoro è complicato, più non vedo l’ora di mettermi all’opera. Da molti anni collaboro come esperta ed insegnante di maglia. Il complimento più bello che ho ricevuto dalle mie allieve è quello che oltre ad insegnare la tecnica, trasmetto la passione per questo lavoro! La tecnica che adoro in assoluto è il pizzo Shetland, che ho scoperto qualche anno fa, ma a dire il vero sono attratta anche da altre tecniche, e mi piace di conoscere sempre di più e sperimentare.

.

I corsi di Annamaria